HFNC, la terapia respiratoria ad alti flussi


L’HFNC (High Flow Nasal Cannula) è un trattamento respiratorio non invasivo, molto diffuso per la ventilazione di pazienti che respirano autonomamente ma che richiedono ossigeno a una velocità di flusso più elevata.

La modalità HFNC migliora gli scambi gassosi e riduce nettamente il lavoro respiratorio nel paziente adulto e nel bambino. In quest’ultima tipologia di paziente, non solo migliora lo score respiratorio ma anche il confort del paziente con insufficienza respiratoria di varia etiologia e consente di ridurre il tasso di intubazione nei bambini affetti da bronchite.
Come riportato in letteratura: “l’HFNC è stato inizialmente concepito per somministrare attraverso delle nasocannule una miscela di aria e ossigeno, riscaldata e umidificata, ad un flusso superiore rispetto al picco inspiratorio del paziente, affinché non fosse necessario, come nei sistemi a basso flusso, un ulteriore prelievo di aria dall’esterno per adeguare il flusso somministrato a quello richiesto del paziente. Di conseguenza l’unica miscela di ossigeno inspirata è quella proveniente dalle nasocannule.”

Vantaggi nella scelta della terapia ad alti flussi:

  • Dopo l’estubazione, aiuta il paziente a riprende autonomia respiratoria in velocità
  • Migliora nettamente l’ossigenazione, la frequenza respiratoria e la dispnea
  • Controbilancia la domanda inspiratoria del paziente
  • Riduce il lavoro metabolico dell’organismo per il condizionamento dei gas

L’opzione di ossigenoterapia ad alti flussi HFNC è economica e può essere utilizzata nei diversi ambiti clinici, come il pronto soccorso, la terapia semi-intensiva e intensiva e la sala risveglio. HFNC viene fornita come funzione opzionale per i ventilatori polmonari a turbina e valvole, come: Aria 104, Aria 150, Siaretron 4000 15” e 12”, Falco 202 Evo.